«Dolly»

(Adriano Celentano - Marco Vaccaro, 1998)





UOMO
So già cosa pensi
quando mi guardi un po' cosi
con quel muso
che non sai nemmeno tu...
Io so
forse ho sbagliato io
Io so
sei meglio tu
e non hai bisogno
di parlare tu
di quel che si dice
niente ti va
Io so
l'amore che tu dai è già
il tuo parlare
se io ti amassi come sei capace di amare tu
anch'io, come te, vorrei non parlare più
ma io sono un uomo
e la saggezza che hai tu
non l'avrò mai
e se fra di noi una bestia c'è
Io so
di certo non sei tu
ma io
che ringhio più di te...

Tu non chiedi mai
e speri che
dalla tavola
cada per te
qualche briciola

CANE
Bei tempi quel giorno che sei apparso... 
dalla strada mi togliesti 
eran giorni sofferenti
vagavo randagia senza pane e senza vesti
in cerca di rifiuti
o di qualche topo da metter sotto i denti
e tu per la gioia del tuo cuore innamorato
mi chiamasti come lei
e così fui battezzata col nome dei tuoi guai...
Dolly.
Eran finiti finalmente i giorni della fame
e passeggiando per il corso con voi due mi sentivo
la più bella del bestiame... mi sentivo
mi sentivo
da tutti ammirata e onorata con voi due
mi sentivo

UOMO
Mia cara Dolly lo sai che noi non siamo umani
umani come te
l'amore che c'è in noi è un'idea
soltanto un'idea

CANE
E ora, che tu sei
furente contro di lei
e appassito perché ti ha lasciato
vorresti cambiarmi il nome
ecco perché è giusto che io non parli
a coca servirebbero le parole
il tuo è un mondo sordo
fatto di governi criminali
che con a scuca di fare ordine
si divertono a uccidere gli uomini con la pena di morte
e ora tu vuoi da me
parole di vendetta che io non ho
perché sono un cane
ma i cani amano... amano
anche se li abbandoni.
Использование и копирование материалов сайта
разрешается только с обязательной ссылкой на Celentano.RU,
с указанием авторства статей и переводов.