«Eva»

(Mina & Celentano, 10.11.2017.
Luigi De Rienzo e Andrea Gallo)








LUI:
Che danno hai fatto, indietro non si torna più
ora che il quadro è dipinto e il chiodo sta su
punto a capo per colpa di Eva
un peccato quell’ultima cena
in principio fu amore ma adesso che cos’è.

Io sai per colpa di Eva più pace non ho
e sguscio qui tra i ricordi di luna e falò
fotogrammi di un mondo lontano
un amore tenuto per mano
in quel mondo l’essenza di tutto eri tu.

Eva accidenti a te
questa vita strana mi riporta a te.
Brava tu a dimenticare e a ridisegnare traiettorie nuove.

LEI:
Amaro il pensiero che porta a voltarti le spalle
congelo le voglie giù in fondo per celarle a te

LUI:
guardo l’amore che è stato un incubo acceso
scendi oh diva dal pulpito che ho creato per te.

LEI:
Ora che il mandorlo è in fiore, il mio fiore non c’è
qui nel giardino incantato il mio posto qual’è
in rovina i miei giorni migliori
sono morsi i tuoi baci di ieri
indelebile il tempo speso insieme a te.

Eva accidenti a me
la mia vita grama che non scorda te.
Brava, tu a dimenticare, a ridisegnare traiettorie nuove

Insieme:
Amaro il pensiero che porta a voltarti le spalle
congelo le voglie giù in fondo per celarle a te

LUI:
guardo l’amore che è stato un incubo acceso
scendi oh diva dal pulpito che ho creato per te.

LEI:
Eva

Insieme:
accidenti a te
questa vita sbanda e mi riporta te

LEI:
Brava,

Insieme:
tu a dimenticare, a ridisegnare traiettorie nuove.

LEI:
Eva, accidenti a te...
Использование и копирование материалов сайта
разрешается только с обязательной ссылкой на Celentano.RU,
с указанием авторства статей и переводов.