«Il principe»

(Claudia Mori. 1983.
Giancarlo Bigazzi, Raf / Claudia Mori, Giancarlo Bigazzi)





Pensa che
quand'ero bambina sognavo un principe
e sotto la Luna ho baciato te
come il ranocchio delle favole

Stasera uno spicchio di solitudine
è questo castello non fa per me
mi puoi capire solo se 
soffri come me
prendi il primo treno, solo se
soffri come me
anzi l'aereoplano, solo se
soffri come me
corri sull'arcobaleno

Perchè io 
quand'ero bambina sognavo un principe
si fredda la cena senza di te
ed io mi sento un sopramobile
e penso a quei nostri viaggi in macchina
col soldi contati per due caffè, ma innamorati come

Quando io sognavo il principe
nell'estate delle lucciole
voglio amarti come un principe (coro): ancora
massaggiarti con le nuvole

Ma ti do tempo fino a sabato
e poi ricomincia a sognare il principe
magari mi piace meno di te
ma starà sempre accanto a me 

Se soffri come me
prendi il primo treno solo se...
Soffri come me
Anzi l'aereoplano, solo se...
Soffri come me
corri sull'arcobaleno
Perchè io 
quand'ero bambina sognavo un principe
ti sento lontano come un addio
ma asspeta sempre come
quando io sognavo il principe (coro): azzurro
nell'estate delle lucciole
voglio amarti come un principe (coro): ancora
massaggiarti con le nuvole

Siamo legati con l'elastico
due cuori nel legno di un solo albero
e quanto bisogno tu avrai di me
mi trovi sempre accanto a te

(coro):
Quando tu sognavi il principe
nell'estate delle lucciole
Quando tu sognavi il principe
nell'estate delle lucciole
.......
.......
Использование и копирование материалов сайта
разрешается только с обязательной ссылкой на Celentano.RU,
с указанием авторства статей и переводов.