«Marì Marì»

(Mogol - Gianni Bella, 2004)





Le rughe stanche di lui mio padre
quegli occhi buoni su di me
capelli grigi di lei mia madre
preoccupata come lui
e tu che eri una bambina
innamorata sempre più
appiccicata, qui vicina sempre tu
sorridente coi tuoi sì.

Lo sfondo verde laggiù dei prati
e quei papaveri che ormai
sono appassiti come noi negli anni
ci siamo persi; come mai
e le tue corse incontro al mondo
A quella vita che vorrei
Aver vissuto ma che poi come sai
Non abbiam vissuto mai

Marì, Marì, Marì, Marì
ancora e ancora tu sei qui
dov'è la tua serenità
mi manca, mi manca
ho un vuoto qua...

Il tempo scorre e se ne va
vorrei saper che senso ha
perché perché
si perde quello che
hai amato e più non c'è


I muri bianchi di questa stanza
sono uno schermo intorno a me
io ti rivedo li' con lei mia madre
che cucinava insieme a te.
Tu mi guardavi, una bambina
innamorata sempre più
appiccicata, qui vicina, sempre tu
sorridente coi tuoi sì

Marì, Marì, Marì, Marì
ancora e ancora tu sei qui
dov'è la tua serenità
mi manca, mi manca
ho un vuoto qua...

Il tempo scorre e se ne va
vorrei saper che senso ha
perché perché
si vede quello che
hai amato e più non c'è
Использование и копирование материалов сайта
разрешается только с обязательной ссылкой на Celentano.RU,
с указанием авторства статей и переводов.