«Una casa sfiorata dal mare»

(Testo di P. Limiti, musica di Verdecchia.
Canta Claudia Mori.
Album "Fuori Tempo", 1974.)





Avevo una casa sfiorata dal mare,
scrivevo poesie, tu andavi a pescare...
tutta la vita la mettevo là
adorando te
e l'ombra di ogni tuo gesto.

Su letti di sabbia facevi l'amore,
mi stavi a spiegare le stelle per ore...
l'eco del tuo corpo non l'ho persa mai
e girava in me
come una bella canzone

Sì,
il ricordo è tanto grande che ruba un po' di cuore, sì...
ed il tramonto credo che
volesse conquistare me
col vento ti alzava i capelli,
moriva negli occhi tuoi belli...

Avevo una casa sfiorata dal mare,
ma un niente qualunque bastava a sognare...
e quella vita l'ho passata là,
tutta intorno a te...
eppure una vita non basta.


Sì,
il ricordo è tanto grande che ruba un po' di cuore, sì...
ed il tramonto credo che
volesse conquistare me
col vento ti alzava i capelli,
moriva negli occhi tuoi belli...

Avevo una casa sfiorata dal mare,
scrivevo poesie, tu andavi a pescare...
Avevo una casa sfiorata dal mare,
ma un niente qualunque bastava a sognare...
Avevo una casa sfiorata dal mare,...
Использование и копирование материалов сайта
разрешается только с обязательной ссылкой на Celentano.RU,
с указанием авторства статей и переводов.