«Verità da marciapiede»

(Mogol - Gianni Bella - Rosario Bella)





Già mi sembra di dire messa
e la gente mi guarda e passa
io li guardo dai marciapiedi
riconosco le scarpe
e parlo coi loro piedi
senza chiedergli niente

Anche io ho un amico vero
che mi resta vicino
mi riscalda, non è un avaro
è un fiasco di vino
l'amore mi accende il fuoco
scorre dentro le vene
la vita diventa un gioco
si mi vogliono bene

La verità
è nel mio cuore
non la senti
per il rumore

La verità
me la son fumata
guarda il giallo come brucia
le mie dita



E' cosi facile rotolare
senza un'ancora buona
se affidi la tua vita al caso
o a un pò di fortuna
la barba mi fa sentire
il padroe del mondo
col re si può brindare
e raggiungere il fondo

E io sogno la stessa donna
Oramai da una vita
Vorrei potere ricordare se l'ho conosciuta...
Lei mi parla con voce dolce come di una mamma
peccato che la sento solo nel fumare una canna

La verità
è dentro al mio cuore
non la senti
per il rumore.

La verità
me la son fumata
guarda il giallo come brucia
le mie dita


Ah...Grazie!
non si può
no non posso leggere il giornale sai
lo so cosa fare
sì lo so che tu lo sai
parole scure troppo piccole sono per me
non mi fido
ma perché tu non ti fidi dimmi
io li raccolgo poi mi copro sotto
quelle strane verità
dormo, son felice
sei felice
dormo e dimentico
tutto ciò che pesa su di me
come quel milioni di parole, che
puzazano di petrolio!

Dormo e son felice
in un bosco incantato,
e voi stanchi restate
su questo selciato
tristi opachi senza profondità
Voi che siete la società

Ah...Ah...
Использование и копирование материалов сайта
разрешается только с обязательной ссылкой на Celentano.RU,
с указанием авторства статей и переводов.